immagine
[1] Home | [2] Società | [3] Informatica & web | [4] Copyright (c) |
13-06-2021 -  Sei su: Società





nucleare no grazie

NO_PDM

di .: tuple. it :. - 29.06.2011

In autunno si terrà il maxi concorso per redigere la classifica nazionale degli aspiranti professori universitari.

Le persone c....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 06.12.2010

Scusate, mi era sfuggita questa:
Il giorno 21 settembre 2010, il deputato Antonio Borghesi dell' IDV ha proposto l'abolizione del vit....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 28.02.2010

Spacciano prescrizioni per assoluzioni.

Gioiscono per i terremoti.

Brindano quando riescono a strappare condanne lievi, ....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 17.11.2009

Dopo anni di disastrosa gestione privata, da gennaio 2010 l'azienda dell'acqua parigina sarà rimunicipalizzata! Si calcola che i pari....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 29.08.2009

Dal 29 agosto al 19 settembre, infatti, sono stati chiesti quattro sabati di straordinario agli operai. (Sembra che il totale dei sabati lavorati nell....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 18.06.2009

La Coldiretti lancia l'allarme: l'Europa ha autorizzato l'unilever a contaminare i gelati con una proteina sintetica (ogm) derivata da ....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 13.02.2009

Bruxelles - 11.06.2008

Continua l'assalto dei padroni ai diritti dei lavoratori: lunedi notte a Bruxelles è stata raggiunta....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 13.02.2009

Il 13 febbraio 2009, si è riunito il cda della fiat per ufficializzare l'utile netto dell'azienda nel 2008: 1,199 miliardi.
....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 08.02.2009

Il 24 gennaio alle scuderie Aldobrandini di Frascati, si è tenuto un incontro con il prof. Paul Connett, docente di chimica ambientale e tossic....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 06.01.2009

Sul sito dell'università di Berkeley (California), all'indirizzo http://are.berkeley.edu/~dwrh/CERES_Web/index.html è riportat....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 21.12.2008

Nel 2007 il parlamento italiano approvava il disegno di legge noto come "disposizioni in materia di modalità per la risoluzione del contra....
Leggi tutto >

di .: tuple. it :. - 06.09.2008

Il sito del wwf, informa che l'inaugurazione della centrale ENEL di Torre Valdaliga Nord a Civitavecchia, con l'avvio del primo gruppo da 66....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 30.08.2008

Estate da dimenticare per i nuclearisti.

Incidenti a catena in Francia, a Tricastin.
Speriamo che non sia rimasta coinvolta anch....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 10.07.2008

Ieri alle 6.30 si è verificata una fuga radioattiva a Tricastin, in Francia, nel sito di lavorazione del materiale per la centrale nucleare. Se....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 02.06.2008

Le turbine idrauliche sono dei dispositivi meccanici utilizzati negli impianti di produzione di energia idroelettrica.

La Peace Turbine....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 24.05.2008

Nel 2007 sono stati installati nel mondo impianti per la produzione di energia elettrica per 20 mila megawatt di eolico contro quasi 2 mila di nuclear....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 18.05.2008

Quando piove, l'acqua piovana penetra nel terreno, portando nuovo nutrimento alle radici delle piante. La parte non utilizzata dalla vegetazione,....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 06.04.2008

Un tal Guillermo Vargas detto "Habacuc" ha esposto in un museo un cane in agonia, legato e senza cibo.
A poca distanza, non raggiun....
Leggi tutto >

di .: tuple. it :. - 28.12.2007

I cambiamenti climatici del nostro tempo sono strettamente collegati allo spreco di energia. Infatti, se è vero che il clima si modifica da sempre, ....
Leggi tutto >

di .: raffaello h. :. - 27.12.2007

Ho letto su numerosi quotidiani (repubblica, corriere, ecc..) che lo stipendio di Luca Cordero di Montezemolo è di circa 7 milioni di euro all'a....
Leggi tutto >

Energia nucleare? No, grazie!
  1. tempi di costruzione: lunghi
  2. abbattimento emissioni co2: esiguo
  3. indipendenza energetica: nulla
  4. costi: elevatissimi
  5. consumo di acqua potabile: elevatissimo (in Francia = 40% delle disponibilit)
1. Tempi di costruzione

Lunghissimi: verosimilmente non avremo energia nucleare prima del 2020.

2. Abbattimento emissioni co2

In realt, solo le operazioni nel reattore sono "carbon free" ovvero senza emissioni di CO2. Tutte le altre operazioni della filiera del combustibile - estrazione dalle miniere, frantumazione e macinazione, fabbricazione del combustibile, arricchimento e gestione delle scorie - necessitano di parecchio combustibile fossile e quindi emettono CO2.

E' stato calcolato che il consumo di energia fossile per questi processi di fabbricazione cos grande che la quantit di CO2 emessa comparabile con quella emessa da un equivalente ciclo combinato alimentato a gas naturale.

3. Indipendenza energetica

Non disponiamo, al contrario di Francia, Russia, Stati Uniti, di miniere di uranio. Quindi, chi lamenta la dipendenza energetica dal nucleare francese o dal gas russo, deve trovare altre soluzioni.

4. Costi

Negli ultimi anni il prezzo dell'uranio aumentato, passando dai 20 dollari per libbra nel 2000 a 120 dollari nel 2007, senza che ci sia stato alcun aumento della richiesta!

I cittadini francesi (che sfruttano l'energia nucleare) pagano la corrente elettrica grosso modo la met di quanto la paghiamo noi, ma il prezzo della bolletta francese non comprende gli accantonamenti per il decommissioning delle centrali, non comprende i costi di smaltimento, stoccaggio e riprocessamento delle scorie radioattive e non comprende i costi per la sicurezza. Nel 2003, in Francia, a fronte di costi di costruzione pi interessi passivi di 1.264 dollari/kW venivano accantonati 34 dollari/kW per il decommissioning, il cui costo sconosciuto ma non dovrebbe essere molto distante dai costi inglesi, stimati in 360 dollari/kW, a fronte di un accantonamento di 28 dollari/kW.

In Italia, i rifiuti radioattivi sono ancora custoditi nelle centrali disattivate dopo il referendum, o in apposite piscine per essere raffreddati in continuazione.

I tempi di decadimento delle scorie, sono molto lunghi, circa centomila anni!!! Il materiale guardato a vista da militari armati che da anni fanno la ronda 24 ore su 24 per 365 giorni all'anno. Ma il costo dei militari e di tutta la logistica necessaria non viene calcolato nel prezzo.

Un astronauta americano, David Scott, propone di sparare le scorie verso il sole: dieci invii, al costo di cento milioni di dollari ognuno, speriamo senza incidenti...

5. Consumo di acqua potabile

In realt, dalla reazione di fissione nucleare si ricava soltanto calore, che viene utilizzato per produrre vapore. Attraverso l'espansione di questo nelle turbine di un gruppo turbo-alternatore, si ottiene energia elettrica. Per evitare surriscaldamenti, si usano impianti di raffreddamento, come nelle automobili. Tutto questo, quindi, si basa sulla disponibilit di acqua dolce, senza la quale sarebbe impossibile attivare qualsiasi centrale nucleare a fissione.

Immaginiamo l'impatto ambientale in pianura padana, dove gi oggi esiste il problema della risalita delle acque salate dal mare nel letto del fiume Po!

In Francia, circa il 40% di tutta l'acqua potabile disponibile, oggi utilizzata nelle centrali nucleari. Jeremy Rifkin, guru dell'economia all'idrogeno, intervistato da repubblica il 7 giugno 2008, afferma:"Nell'estate del 2003, quando molti anziani morirono per il caldo, uno dei danni collaterali che passarono sotto silenzio fu che scarseggi l'acqua per raffreddare gli impianti. Come conseguenza fu ridotta l'erogazione di energia elettrica. E morirono ancora pi anziani per mancanza di aria condizionata".

Conclusioni

Appare evidente che ci troviamo di fronte ad una fonte di energia tutt'altro che pulita. Il nucleare non solo non risolve i problemi dell'effetto serra e delle emissioni di CO2, ma ne aggiunge altri.

L'energia nucleare facile e a basso costo solo un'illusione: il prezzo praticato in bolletta favorirebbe i grossi gruppi industriali: consumando molto e pagando poco, come al solito cercherebbero poi di far ricadere sulla popolazione i costi sociali ed economici delle loro scelte, in questo caso lo smaltimento e lo stoccaggio dei rifiuti. Se pensano che sia tanto conveniente, perch non se la fanno da soli? Che si procurino spazi adeguati, che trovino l'acqua necessaria, che si occupino dello stoccaggio delle scorie per i prossimi centomila anni! Senza chiedere incentivi ed aiuti allo Stato. Se non ci sono soldi per i pensionati, non ci sono nemmeno per loro! Se il loro "mercato" tanto bello, si procurino i fondi necessari sul mercato! E poi vedremo quanto era conveniente il nucleare!


Valid HTML 4.01 Transitional CSS Valido!
sito amatoriale del webmaster - senza fini di lucro (compresi finanziamenti pubblici vari)
scrivi al webmaster